Avanti così!

02.03.2014

Avanti cosi'!

Al Cagliari porta bene l'anticipo dell'ora di pranzo. Tradizione favorevole confermata per i rossoblù che battono 3-0 l'Udinese e compiono un bel balzo in avanti verso la salvezza. Punteggio forse troppo pesante per i friulani, autori di un'ottima partita e pericolosi sino al gol del raddoppio, ma anche il fatto di averla spuntata contro una buonissima Udinese depone a favore del Cagliari, che non ha praticamente sbagliato una mossa. Ha scelto di giocare una gara d'attesa, dopo il gol - splendido, ma non è una novità - di Victor Ibarbo che l'ha portato avanti dopo poco più di un quarto d'ora; ha rischiato di incassare il pareggio in un paio di circostanze sugli attacchi dell'Udinese guidati dal sempreverde Di Natale; ha saputo resistere facendo leva sulle prerogative richieste da Diego Lopez ieri in conferenza stampa: determinazione, attenzione e concentrazione. Non appena l'Udinese ha abbassato la guardia, tutta sbianciata in avanti, l'ha colpita per altre due volte, chiudendo di fatto la partita. E' stata una vittoria delle prime volte: della prima volta quest'anno che il Cagliari vince con più di un gol di scarto, dei primi gol in Serie A di Vecino e Ibraimi e, curiosamente ai fini statistici, del primo successo del Cagliari sotto la direzione dell'arbitro Valeri in 10 partite. E' anche un risultato che mette fine all'egemonia dell'Udinese, sempre vittoriosa negli ultimi confronti diretti giocati tra Sardegna e Trieste. Quel che più conta, sono 3 punti che permettono l'aggancio ai friulani a quota 28: bottino rassicurante a questo punto del campionato, in attesa delle altre partite e dello scontro di sabato a Catania, quando Lopez riavrà a disposizione Conti ed Ekdal. Il tecnico uruguayano ha confermato la squadra che tanto bene aveva fatto a San Siro, con l'unica eccezione di Pisano, al rientro, al posto dello squalificato Ekdal. La prima chance è per l'Udinese: penetrazione di Pinzi dalla destra, assist per Di Natale che calcia sbilanciato mandando alto. E' un campanello d'allarme per il Cagliari che risponde presente. Al 17' i rossoblù passano con un gioiello di Ibarbo. Il colombiano, pescato in area spalle alla porta da un lancio di Astori, stoppa a seguire con il petto disorientando il suo marcatore Naldo, e al volo di destro spedisce nell'angolino lontano, fuori dalla portata di Scuffet. L'Udinese reagisce prontamente: al 23' Di Natale, servito sulla sinistra, cerca l'angolo lontano, chiuso da Avramov con il piede. Ancora il cannoniere friulano si fa vivo al 29': il suo tiro, deviato da Dessena, si impenna e colpisce la traversa, anche se Avramov pareva essere sulla traiettoria. L'Udinese preme, il Cagliari un po' soffre, ma resiste e chiude in vantaggio il primo tempo. Dopo l'intervallo Diego Lopez è costretto a rimescolare le carte a centrocampo: Adryan non ce la fa a rientrare, dentro Eriksson, con Dessena spostato in mezzo e Cossu avanzato a trequartista. Guidolin rafforza l'attacco con Nico Lopez al posto di Fernandes. Il nuovo entrato porta brio alla prima linea bianconera, ma la difesa del Cagliari è attentissima. Soltanto il vento mette in difficoltà Astori e compagni. Accade quando un angolo di Di Natale acquista velocità, mettendo in difficoltà Avramov, e quando un lancio delle retrovie...si ferma improvvisamente, liberando Nico Lopez: Avramov è bravo a chiudergli lo specchio. Il portiere serbo si salva anche su una conclusione da fuori del connazionale Basta, che era rimbalzata pericolosamente davanti a lui. Entra Nenè al posto di un Pinilla encomiabile per volontà; dall'altra parte, Widmer rileva Silva e Maicosuel Naldo per gli ultimi assalto. Nel Cagliari Ibraimi sostituisce Cossu. All'81' i rossoblù raddoppiano. Punizione proprio di Ibraimi che Vecino tocca al volo di destro, superando Scuffet. A due minuti dal termine il Cagliari fa tris: contropiede veloce portato in quattro contro due, Ibraimi fa tutto da solo partendo da destra e con un tiro a giro sul palo opposto supera Scuffet. Può bastare: la salvezza è più vicina. 

© 2013 Cagliari Calcio

Clicca qui se non vuoi più ricevere la newsletter

0 commenti:

Posta un commento